Padre Daniele Badiali

...ogni giorno partirò!

Home Solo DIO deve contare

Solo DIO deve contare

Carissimo professore don Serafino,

ho ancora la Sua lettera tanto cara alla quale rispondere... La sua risposta fu immediata e graditissima... ma purtroppo lo scrivere non è il mio forte.
Arrivo a sera sempre stanco e con la sensazione di non avere fatto mai il mio dovere come Gesù mi chiede...
Il giudizio di Gesù sulla mia vita mi obbliga a stare sempre in piedi, con una voce continua che mi sussurra «Vuoi salvarti? Fai la carità, nell’ora della tua morte verrò a salvarti».
Vivo ogni giorno con questo desiderio. Non è fede, è solo paura di dannarsi, e sono consapevole che la salvezza può venire solo da Dio...
Dovessi ridurre a poche parole ciò che sto vivendo qui in Perù, sulle Ande, dico «SOLO DIO DEVE CONTARE», tutta la nostra vita deve puntare a Lui, obbedire a Lui.
Vedo perfettamente il fallimento di un’azione basata sulla promozione umana, la tocco con mano ogni giorno.
Ogni cosa deve essere fatta solo per Dio. E per me stare qui è obbedire a Dio (con tanti peccati e tradimenti), mettere in pratica la sua legge, cioè la carità, il dare tutto gratuito.
Così le nostre case che a prima vista possono apparire costruzioni da ricchi, sono case per riempirle di ragazzi poveri, per prendersi a cuore ognuno di loro come fossero tuoi figli.
E la preoccupazione più grande è la salvezza dell’anima. Dargli il pane quotidiano è la cosa ancora più facile, farli diventare cristiani liberi che scelgano la croce di Gesù è una scommessa ben più ardua di fronte alla quale sia poveri che ricchi si ritrovano allo stesso livello...
A volte ho l’impressione che il cammino cristiano sia più «facile» in Italia perché le persone sono più sincere e quindi più libere (verità e libertà vanno d’accordo insieme o no?) Qui siamo ancora in un mondo dell’Antico Testamento, dove Dio viene chiamato in causa per le cose di questo mondo (la salute, i furti, ecc.). Una delle fatiche più grosse è portare i ragazzi e la gente alla sincerità, cioè dire esattamente ciò che pensano nel cuore... Non si immagina quanti imbrogli e bugie...
Per questo vedo nei ragazzi italiani più sincerità. Per me non è vero che in Italia sia più difficile che in missione... Come continuerei a parlarLe a cuore aperto, chissà che non ci sia modo di vederci, a maggio tornerò per qualche mese e metterò in calcolo di venire a salutare il «regionale» di Bologna.

L’abbraccio con l’affetto di sempre

P. Daniele

Mi perdoni la brevità della lettera, era solo il desiderio di tenerLa accanto a me, anche solo per un attimo.

San Luis, 18/03/93